Comune di Roccacasale

Gastronomia e prodotti tipici

Gastronomia roccolana




 

La gastronomia Roccolana fa di certo pieno riferimento alla tipica cucina abruzzese, una cucina che come elementi fondamentali ricorre ai prodotti della terra e ai prodotti dell’allevamento del bestiame.

Tuttavia dato l’abbandono delle terre e il non più usuale allevamento del bestiame (elementi che nei tempi andati erano prassi per ogni famiglia) e con l’arrivo del benessere oggi molti piatti della tradizione dei nostri nonni sono letteralmente scomparsi dalle tavole e ricette che molti anni fa erano presenti giornalmente nell’alimentazione oggi sono considerati quasi come un piatto pregiato da consumare nelle ricorrenze o nelle feste. E quelle ricette che tempo fa erano l’unica scelta possibile, l’unica alternativa al digiuno oggi vengono rievocati dai nostri anziani con una punta di nostalgia, forse a metafora della scomparsa di un vera e propria tipologia di vita, quasi uno sradicamento da quelle che sono le profonde radici tra l’uomo e la sua terra.

Molte sono le ricette che sono arrivate fino ai nostri giorni e probabilmente altrettante sono state avvolte per sempre dall’oblio. Tra le più curiose ci sono Lu Sangunacce oppure I Caugl Sctrascenete, L’Annuoglie, Gli Sctrugliglie, La Panonde e La Ranere, Le Pen d’ Randinie, L’ Paccuzzette, L’ Pen Cotte e laFrettet d’ Crastatiegl. Ottimi e ancora oggi molto diffusi sulle tavole roccolane sono Gli Gnucchitt (gli gnocchi), L’ Sagn Ammasset, La Pulenn (la polenta) e L’ Fregnacc. Di seguito vengono illustrate alcune ricette della tradizione, e poi c’è una succulenta galleria fotografica di alcuni piatti nominati.

 
Sangunacce

Gli ingredienti di questa prelibatezza sono: sangue freschissimo di maiale, mosto cotto, scorze di arance tagliate molto finemente, una stecca di cannella, un bicchiere di strutto, mandorle o noci tostate e tritate, un po’ di zucchero, una bustina di vaniglia, una grattugiata di noce moscata.

Si mischia il sangue con il mosto cotto e si mette in una pentola a bollire a fuoco lento mischiando continuamente.

Si aggiungono ad uno ad uno gli altri ingredienti e si cuoce il tutto per circa due ore.

 
Ranere

Granturco ammollato e bollito e poi salato in una teglia con olio di oliva, aglio e peperoncino.

 
Pane cotto

Pane raffermo messo in ammollo in acqua fredda e poi bollito in poca acqua fino al completo disfacimento. Aggiungere, quindi, olio extra vergine di oliva e una generosa manciata di pecorino roccolano.

 
Frittata di “crastatiegl”

Friggere i gambi di fiore d’aglio in olio di oliva e quando sono ben cotti versare i “crastatiegl” (fiori e gambi d’aglio) sopra le uova sbattute con pecorino, voltare la frittata una sola vola.

 
Prodotti tipici
 

I prodotti tipici di Roccacasale sono il vino, l’olio e le olive, patate, fagioli e pomodori e altre coltivazioni minori. Ottima è anche la produzione di formaggio pecorino. Inoltre il territorio di Roccacasale è anche ricco di varie specie di funghi tra le quali la più diffusa è quella dei chiodini.